5 tecniche per tinteggiare casa


5 tecniche per tinteggiare casa


Tecniche per tinteggiare casa. Ben ritrovati Sbagliati. La primavera e l’estate sono i periodi migliori per imbiancare la propria casa. Per farlo, infatti, è consigliabile evitare i periodi freddi e piovosi. Questo per due motivi: faciliterete l’asciugatura delle pareti e potrete arieggiare più facilmente gli ambienti, eliminando l’inteso odore dovuto ai prodotti utilizzati per la tinteggiatura.

Se state pensando che questo è il momento migliore per tinteggiare la vostra casa questo articolo potrebbe fare al caso vostro. Scopriremo, a grandi linee, cinque tecniche di finitura molto utilizzate. In questo modo conoscerete quella più adatta al vostro livello di manualità o al vostro stile. Siete pronti?

La spugnatura


Iniziamo dalla spugnatura. Questa è la tecnica più semplice e la meno complessa. Si ottiene tamponando la parete con una spugna imbevuta nella pittura e che poi viene schiacciata sul muro. L’effetto, ovviamente, varia a seconda della pressione esercitata sulla spugna. Di solito questa tecnica viene utilizzata per dare più ‘movimento’ ad una parete di colore uniforme e permette di ottenere una vasta gamma di sfumature e di effetti cromatici differenti: dai più tenui ai più forti.
Image source: Casafan

La conciatura


È una tecnica molto simile alla spugnatura, ma prevede l’utilizzo di cenci, di altri tessuti oppure di pelli. Una volta passata la mano di colore in maniera uniforme sulla parete, quando la pittura è ancora fresca, si deve intervenire tamponando con degli stracci che permetteranno di creare dei motivi decorativi unici e sempre differenti. Alcuni consigli: quando vi accorgete che lo straccio è molto impregnato di vernice sostituitelo con un altro. Inoltre, partite sempre dagli angoli della parete, in questo modo eviterete gli accumuli di colore.
Image source: Casa e Giardino

La velatura


Proseguiamo con una tecnica più complessa ma sempre di facile realizzazione: la velatura. È una delle tecniche di pittura delle pareti più utilizzate che permette di conferire quella patina di "vissuto" alle pareti, che solo il passare del tempo sarebbe in grado di donare. Le due caratteristiche più evidenti della velatura sono le diverse sfumature e l’aspetto di trasparenza che rende leggero l’effetto visivo dell’intera parete. Per realizzarla potrete scegliere tra diversi strumenti: dal pennello alle spatole, dai frattazzi spugnati sino ad arrivare ai panni, che verranno utilizzati per passare una seconda mano di vernice, in genere più scura, su una base già asciutta.
Image source: Imbianchino Pisa

Il pennellato


Il pennellato è un’altra tecnica di finitura che si ottiene con l’aiuto di un pennello a setole rigide. Il particolare risultato è dato dal contrasto di strati diversi di colore: un fondo chiaro, uno strato superiore più scuro e dal motivo tracciato sul colore superficiale. Si stende la vernice con il pennello dalle setole rigide attraverso dei movimenti circolari. I movimenti non devono essere uniformi per cercare di ottenere un effetto il più naturale possibile. Non abbiate, quindi, paura di sbagliare: un motivo non lineare e imperfetto è il risultato atteso.
Image source: Milano Design Week

Il rullo


Un’altra tecnica molto utilizzata, e che io sponsorizzo moltissimo, è quella con il rullo. Le finiture che prevedono l’utilizzo del rullo, oltre che per tinteggiare, servono anche per realizzare degli elementi decorativi davvero unici sulle nostre pareti. Esistono, infatti, in commercio diversi tipi di rulli realizzati con materiali differenti in base al tipo di impiego: in spugna, scamosciati, con decori o rugosi. Ve ne sono alcuni che svolgono la funzione di ‘timbri’, che vi permetteranno di realizzare delle stampe, dalle floreali a quelle geometriche, su una parete di colore uniforme. Imbevete il rullo nella vernice, liberate la vostra creatività e vi trasformerete in un imbianchino esperto.
Image source: Designandmore
Se leggendo questo articolo vi è venuta voglia di dare un colore nuovo alle pareti della vostra casa, queste sono alcune linee guida che vi permetteranno di conoscere meglio 5 tecniche di uso comune per tinteggiare casa. Sono convinto che troverete la finitura e il motivo decorativo più adatto al vostro stile e alle vostre esigenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *